6 benefici dell’integrazione fra sistemi di HR, talent e formazione

• 2 min read

Il panorama delle soluzioni dedicate alle Risorse Umane è complesso, e integrare sistemi HR può quindi risultare problematico. Ma grazie alle opportunità offerte dalla tecnologia Cloud, oggi le prospettive di integrazione cambiano radicalmente.

In questo passaggio del whitepaper “Integrare tool e sistemi HR su Cloud” si sottolineano 6 benefici derivanti da una integrazione fra sistemi HR, talent e formazione.

Integrare tool e sistemi HR su Cloud

di David Wilson, CEO di Fosway Group

Sebbene si parli delle Risorse Umane (HR) come una funzione individuale, la realtà è, ovviamente, molto più complessa. L’area HR è un’area di lavoro aggregata e un’unione di persone, processi e sistemi che catturano, gestiscono e relazionano su un insieme di cose tra loro molto diverse. Disporre di sistemi multipli può essere utile per svolgere il lavoro, ma in realtà crea enormi complessità quando si ha la necessità di unire tra loro i dati.

L’integrazione tra i sistemi correlati di HR ha rappresentato un grande dilemma per le aziende, e con l’esigenza crescente di avere processi e analisi HR più integrati il problema si fa sempre più pressante.

Dal momento che molti di questi sistemi si spostano verso il Cloud, l’ambiente di integrazione cambia in modo significativo. Presso molte aziende, il sistema di apprendimento, reclutamento e gestione delle prestazioni è già sul Cloud. Il Cloud è già l’approccio di implementazione dominante per nuovi talenti e apprendimento, mentre i sistemi di HR principali lo seguono. Comprendere il modo in cui l’integrazione funzionerà nel Cloud è di fondamentale importanza.

6 benefici dell’integrazione fra sistemi di HR, talent e formazione
L’integrazione fra sistemi di HR, gestione dei talenti e formazione porta molti vantaggi:

1.

Collegamenti più chiari e migliore continuità tra i singoli elementi relativi al talento

2.

Maggiore automazione dei processi globali relativi al talento, nonché migliore efficienza delle operazioni

3.

Migliore esperienza per l’utente, curva di apprendimento più bassa e maggiore adozione all’interno del ciclo di vita del talento

4.

Minore duplicazione, dati sul talento più precisi e facilità di condivisione di tali dati (spesso scarsa nella maggior parte delle organizzazioni)

5.

Migliori informazioni e analisi di gestione

6.

Migliori prestazioni operative e ROI derivanti dalla funzione HR