DoceboInspire: Intervista a Marina Theodotou

• 4 min read
DoceboInspire

Scopri di cosa parlerà Marina Theodotou a DoceboInspire in questa intervista esclusiva!

DoceboInspire, la prima User Conference di Docebo, è in programma il 18-19 settembre a Boston. Sarà un evento unico, durante il quale ascoltare i leader del settore e-learning e ottenere informazioni strategiche sul futuro della formazione online.

Nel corso delle prossime settimane, pubblicheremo qui sul nostro blog una serie di Q&A con alcuni degli speaker che prenderanno parte all’evento. Ecco la nostra intervista a Marina Theodotou, Director of Professional Development, il cui lavoro si concentra sull’allineamento della formazione e delle competenze agli obiettivi organizzativi.

Qual è stato il tuo primo approccio con il settore di Formazione e Sviluppo?

Nella mia carriera ho avuto grandi opportunità ed esperienze in tre settori differenti (servizi finanziari, management consulting e Formazione e Sviluppo), tre aree geografiche (America, Unione Europea e MENA) e tre diverse tipologie di enti (privati, governativi e no-profit/associazioni).

Qualche anno fa sono riuscita a coniugare in un unico ruolo tutte le mie esperienze: aiutare le persone e le organizzazioni a raggiungere il loro potenziale attraverso la formazione. Oggi, il mio scopo è aiutare le organizzazioni ad incrementare produttività, performance e redditività ottimizzando il loro talenti attraverso programmi e tecnologie formative misurabili e rilevanti.

Quali sono, oggi, i trend e gli sviluppi più importanti nel settore Formazione e Sviluppo?

Il settore di Formazione e Sviluppo, oggi, si trova ad affrontare una delle sfide più importanti per l’economia statunitense: il gap delle competenze, che deve essere affrontato in tre settori chiave: durante la fascia scolastica K-12 con la preparazione all’università, durante il college con la pianificazione della carriera e nell’ambito lavorativo attraverso esperienze formative rilevanti e misurabili.

I CLO e i loro team hanno una grande responsabilità e l’opportunità unica per guidare il cambiamento all’interno delle loro organizzazioni, colmando questi gap di competenze:

  • Comprendere le esigenze di business
  • Formare con efficacia gli utenti e monitorare le loro competenze
  • Allineare la formazione alle performance aziendali
  • Misurare il ROI o l’impatto della formazione sulle performance di business

Quali sono gli elementi innovativi che nei prossimi anni rivoluzioneranno il settore Formazione e Sviluppo?

Gli elementi che potranno rivoluzionare il settore di Formazione e Sviluppo nei prossimi anni sono:

  1. Intelligenza Artificiale (AI). Secondo Andrew Ng di Stanford, presto tutte le attività che possono essere completate in 30 secondi saranno eseguite da robot, seguite dalle attività che richiedono 45 secondi, 60 secondi e così via. Il settore Formazione e Sviluppo sarà chiamato ad aiutare le persone a distinguersi dai robot!
  2. Il secondo elemento rivoluzionario coinvolge la capacità dei nostri scienziati di eseguire upload di contenuti formativi nel nostro DNA. Recentemente, gli scienziati di Harvard hanno caricato con successo la GIF di un cavallo al galoppo nel DNA di un batterio di escherichia coli. L’immagine è stata scaricata con una precisione del 90%. Si tratta di un’innovazione enorme per il settore Formazione e Sviluppo, anche se probabilmente ci vorranno alcuni anni prima di poter vedere l’impatto globale di un simile approccio.

Su quali temi, oggi, si confrontano gli utenti (e dei quali la community e-learning non si è ancora occupata)?

Attualmente, lavoro con insegnanti K-12. Sono tra i più meritevoli e forse più sottovalutati nel settore di Formazione e Sviluppo. Ade sempio, nel corso della sua carriera, un insegnante K-12 può influenzare fino a 4.000 studenti. Nonostante una simile responsabilità, però, non ha accesso a una formazione di qualità.

Spesso mi capita di ascoltare insegnanti K-12 che parlano proprio di questo problema. Oggi, purtroppo, il settore di Formazione e Sviluppo si concentra prevalentemente su studenti che stanno terminando l’università e si preparano ad entrare nel mondo del lavoro. Tuttavia, la loro formazione inizia molto prima, in fascia K-12. Gli studenti K-12 di oggi sono i talenti di domani, e se non possiedono le giuste competenze e una formazione adeguata, possono costare alla propria organizzazione fino a 50.000 dollari all’anno. Dobbiamo riuscire a coinvolgere sempre più responsabili dell’istruzione di fascia K-12 per poter affrontare con successo sia le attuali esigenze formative che quelle future.

Quale ruolo gioca (e giocherà) la tecnologia nel settore di Formazione e Sviluppo?

La tecnologia è onnipresente e i nostri smartphone ci stanno dominando. Allo stesso tempo, la tecnologia è una risorsa indispensabile. Per quel che riguarda il settore di Formazione e Sviluppo, vedo un impatto positivo su due livelli. Innanzitutto a livello individuale: grazie alla tecnologia, ora possiamo imparare in qualsiasi luogo e in ogni momento.

Inoltre, la tecnologia e i Big Data consentono ai team L&D di allineare la formazione alle performance di business, dimostrando chiaramente il ROI alle proprie organizzazioni.

Nel corso delle prossime settimane, pubblicheremo nuove interviste con altri speaker di DoceboInspire. Non perdere gli aggiornamenti sul blog Docebo!

Hai già acquistato il tuo biglietto per DoceboInspire? Registrati subito!