Docebo per Google Drive

Integrare Docebo con Google Drive

Ultimo Aggiornamento

5 Maggio 2020

Modulo Docebo

Integrazioni

Tempo di Lettura

6 min

Livello Utente

DISCLAIMER: Alcuni contenuti di questo articolo fanno riferimento alle funzionalità della nuova Gestione dei Corsi. Ulteriori informazioni sono disponibili in questo articolo.

Introduzione

L’integrazione di Docebo con Google Drive permette di caricare documenti Google, fogli di calcolo, slide e disegni come materiali didattici in piattaforma, rendendoli disponibili agli studenti sia sulla versione desktop che sulla versione mobile della piattaforma. 

Chi ha attivato Docebo, Coach & Share può inoltre usufruire dell’integrazione con Google Drive per caricare i contributi attraverso la funzioalità dedicata. 

L’integrazione fra Docebo e Google Drive può includere Google Picker, una finestra di dialogo File Open dove gli utenti possono caricare i file presenti nel proprio Drive di Google in Docebo. Questo articolo descrive come utilizzare l’integrazione con e senza Google Picker.

Attivare Google Drive in Docebo

Connettersi alla piattaforma come Superadmin, quindi accedere al Menu Amministrazione dall’icona ingranaggio in alto a destra e premere Aggiungi Nuove Applicazioni. Nell’area Applicazioni e Funzionalità, selezionare la tab Integrazione Software Terzi nel menu a sinistra della pagina. Identificare Google Drive nell’elenco delle app e cliccare Provala Gratuitamente nella riga dell’app.

Leggere la descrizione nella finestra pop up e premere di nuovo Provala Gratuitamente.

Creare un Progetto Google per l’Integrazione con Docebo

Come prima cosa, configurare l’integrazione fra Docebo e Google Drive creando un progetto Google con Google Drive. Connettersi al proprio Account Google e accedere alla Console Google Developer (https://console.developers.google.com/). Nella barra delle azioni in cima alla pagina, cliccare Select a Project, quindi cliccare New Project nella finestra pop-up. Definire il nome del progetto, e definire la propria organization, quindi premere Create per confermare la creazione del progetto.

Spostarsi ora alla tab Library visualizzata a sinistra della pagina per accedere alla Libreria API di GDrive. Utilizzando la barra di ricerca nella tab della libreria, identificare Google Drive API. Una volta visualizzata nell’elenco, selezionarla, quindi premere Enable nella pagina dedicata. Se si desidera utilizzare Google Picker, riperere il processo (ricerca, selezione e attivazione) per la API Google Picker API.

Spostarsi ora alla tab Credentials, sempre a sinistra della pagina, e premere Create Credentials nella barra nella parte superiore della pagina. Dal menu a tendina, selezionare API Key per creare una nuova chiave API. Una volta creata, premere nuovamente Create Credentials, quindi selezionare OAuth Cliend ID. Definire l’Application Type come Web Application. Potrebbe essere necessario creare un consent screen in Google prima di selezionare questa opzione.

Digitare il nome dell’applicazione web (consigliamo di utilizzare un nome simile al nome della propria piattaforma Docebo). Nella sezione Authorized JavaScript Origins, cliccare Add URI, e digitare ll’URL della propria piattaforma, con il seguente formato: https://[platform_name].docebosaas.com. Se si utilizza la app Custom Domain, utilizzare il proprio dominio personalizzato. Premere Create

Google Drive mostrerà ora la API Key e il Client ID del progetto. Questi valori sono necessari per la configurazione di Google Drive in Docebo. È possibile recuperare la API Key e il Client ID in qualsiasi momento dalla tab Credentials del proprio progetto Google. Ulteriori informazioni riguardo come configurare l’integrazione in Docebo sono disponibili nel prossimo capitolo.

Configurare Google Drive in Docebo

Per configurare Google Drive in Docebo, accedere al Menu Amministrazione, quindi identificare la sezione Google Drive e premere Gestione. Si accederà alla pagina delle Impostazioni di Google Drive. Nella parte superiore della pagina, selezionare l’opzione Abilita Google Drive, inserire la API Key e il Client ID nei campi di testo corrispondenti. 

Premere Salva le Modifiche per completare la configurazione. 

Caricare Materiali Didattici con Google Picker

È possibile caricare Documenti Google, fogli di calcolo, slide o disegni (in formato nativo) direttamente in un corso o nel Central Learning Object Repository (CLOR). Anche se si carica in un corso, sarà possibile inserire gli oggetti nel CLOR in un secondo momento. Vediamo come caricare un materiale didattico da Google Drive direttamente in un corso. 

Per caricare contenuti Google Drive per un corso, connettersi alla piattaforma come Superadmin e accedere al Menu Amministrazione dall’icona ingranaggio in alto a destra. Selezionare Gestione Corsi dalla sezione E-Learning. Identificare il corso per cui si desidera caricare dei contenuti Google Drive e cliccare sulla descrizione, quindi spostarsi alla tab Materiali Didattici. Da qui cliccare Aggiungi Materiali Didattici e selezionare Google Drive dal menu a tendina.

Attenzione: i contenuti Google Drive possono essere caricati come materiale didattico solo all’interno di corsi e-learning.

caricare materiale didattico google drive

Nella pagina di caricamento del materiale didattico Google Drive, contrassegnare l’opzione Importa file nella riga Fonte del File di Google nella parte superiore della pagina. Quindi, selezionare Carica da Google Drive. Sarà visualizzato Google Picker.

In Google Picker, è possibile utilizzare le tab in alto nella pagina per visualizzare documenti, presentazioni, fogli di calcolo o disegni. Una volta trovato l’oggetto che si desidera importare, selezionarlo e premere Seleziona in basso a sinistra.

Il titolo assegnato al materiale didattico in piattaforma corrisponderà al titolo dell’oggetto in Google Drive, ma sarà possibile modificarlo. Definire una descrizione per il materiale didattico nella casella di testo corrispondente, quindi passare alla tab Informazioni Aggiuntive per aggiungere una breve descrizione e selezionare una thumbnail. È possibile inserire dei tag relativi al materiale didattico, in modo che sia più semplice trovarlo attraverso la ricerca globale della piattaforma. È possibile che alcuni tag siano generati automaticamente dalla piattaforma in base al contenuto del materiale, grazie al lavoro dell’intelligenza artificiale della piattaforma, e solo nel caso in cui il contenuto sia in inglese, spagnolo, tedesco, francese, italiano o portoghese. I tag possono essere modificati o cancellati in qualsiasi momento, con un limite di 15 tag per materiale didattico.

Al termine, selezionare Salva modificheUna volta caricato il file, sarà visualizzato nell’elenco dei materiali didattici del corso, nella pagina Materiali Didattici. Da qui, è possibile configurare il materiale didattico o inserirlo nel CLOR selezionando licona del menu nella riga dell’oggetto e quindi un’opzione dal menu a tendina.

Caricare Materiali Didattici Senza Google Picker

Per caricare un oggetto di Google Drive in piattaforma come materiale didattico, seguire le istruzioni descritte nella sezione precedente. Dopo aver selezionato l’opzione per caricare un oggetto di Google Drive in un corso, ed essere stato reindirizzato alla pagina di upload principale per l’oggetto, selezionare l’opzione URL Incorporata nella sezione Fonte del File di Google nella parte superiore della pagina.

Copiare e incollare il link di Google Drive per l’oggetto nella casella di testo messa a disposizione. Per ottenere questo link, aprire l’oggetto in Google Drive. Una volta nella pagina dell’oggetto, selezionare l’opzione File, e quindi Pubblica sul Web dal menu a tendina.

caricare materiali didattici

Nella casella pop up, deselezionare l’opzione che obbliga ad effettuare l’accesso prima di visualizzare il documento (se non si visualizza questa opzione, selezionare Contenuti Pubblicati e Impostazioni). Selezionare Pubblica e copiare il link che apparirà nella casella di testo. Incollare questo link nella casella di testo corrispondente nella pagina di caricamento della propria piattaforma Docebo.

Una volta incollato il link in piattaforma, apparirà un checkmark verde sul lato destro della pagina se la piattaforma Docebo riconosce come valido il link di Google Drive. In caso contrario, sarà visualizzata una X rossa: in tal caso, riprovare copiando e incollando nuovamente il link.

Aggiungere un titolo e una descrizione all’oggetto didattico nelle caselle di testo corrispondenti, e passare alla tab Informazioni Aggiuntive per aggiungere una breve descrizione e selezionare una thumbnail. È possibile inserire dei tag relativi al materiale didattico, in modo che sia più semplice trovarlo attraverso la ricerca globale della piattaforma. È possibile che alcuni tag siano generati automaticamente dalla piattaforma in base al contenuto del materiale, grazie al lavoro dell’intelligenza artificiale della piattaforma, e solo nel caso in cui il contenuto sia in inglese, spagnolo, tedesco, francese, italiano o portoghese. I tag possono essere modificati o cancellati in qualsiasi momento, con un limite di 15 tag per materiale didattico. 

Al termine, selezionare Salva modifiche. Una volta caricato il file, sarà visualizzato nell’elenco dei materiali didattici del corso, nella pagina Materiali Didattici. Da qui, è possibile gestire le impostazioni di un materiale didattico o inserirlo nel CLOR selezionando licona del menu nella riga dell’oggetto e selezionando un’opzione dal menu a tendina.

Preparare e Gestire i Propri File in Google Drive

Prima di caricare un file da Goole Drive a Docebo, assicurarsi che la Condivisione sia definita come Chiunque abbia un link può visualizzare. Per configurare questa opzione, premere il pulsante File in Google Drive, quindi premere Condividi dal menu a tendina. Nella finestra pop-up, selezionare Ottieni Link Condivisibile. Aprire il menu a tendina, quindi premere Più. Selezionare l’opzione Chiunque abbia il link può visualizzare. Poi, selezionare Fine.

Quando si modifica il contenuto di un oggetto di Google Drive utilizzato come materiale didattico in Docebo, le modifiche sono applicate in piattaforma quasi in tempo reale; la sincronizzazione fra Google Drive e Docebo avviene ogni cinque minuti. 

Se si cancella un oggetto in Google Drive utilizzato come materiale didattico in Docebo, non cancellare il materiale didattico dalla piattaforma, perché non sarà più possibile recuperarlo. 

Gestire i File di Google Drive in Docebo

Dopo aver caricato il file in Docebo da Google Drive, il file può essere visualizzato in qualsiasi modalità: lightbox, schermo intero, inline o in una nuova finesta. I link e i video inclusi nei file sono cliccabili e visualizzabili in Docebo. 

Quando uno studente apre il materiale didattico in Docebo, il materiale didattico di Google Drive è automaticamente identificato come completo al momento dell’apertura, indipendentemente dal tempo di visualizzazione del materiale. 

Suggerimenti

– Se si desidera disattivare Google Drive in Docebo dopo aver inserito degli oggetti di Google Drive come materiali didattici nei corsi, è necessario eliminare tutti i materiali didattici nella propria piattaforma Docebo prima di disattivare la app. 

– Per assicurarsi che il proprio contenuto sia in un tipo di file supportato dalla funzionalità di auto-tagging di Docebo, consultare qui la lista di tipi di contenuto supportati.