Utilizzare le Opzioni di Debug di SCORM nella Piattaforma

Eseguire il debug dei contenuti SCORM in Docebo.

Ultimo Aggiornamento

Ottobre 3rd, 2018

Tempo di Lettura

3 min

Livello Utente

Introduzione

Docebo dispone di una funzionalità avanzata per visualizzare le chiamate delle API di SCORM nella console del browser. Consigliamo di utilizzare questo strumento solo se si possiede una buona conoscenza di SCORM e dei Javascript. Questa funzionalità permette di assicurarsi che il pacchetto SCORM funzioni correttamente, o se ci sono problemi che meritano attenzione. Questa funzionalità permette di testare i contenuti SCORM prima di inserirli nei corsi.

Attenzione: Questo articolo spiega come utilizzare le API per il Debug di SCORM in piattaforma.  Fare riferimento a questo articolo per informazioni su come caricare e gestire i contenuti SCORM in piattaforma, sulle limitazioni dei pacchetti e per consigli di utilizzo.

Attivare la API di Debug di SCORM

Per attivare questa funzionalità, connettersi alla piattaforma come Superadmin, e accedere al Menu Amministrazione dall’icona ingranggio in alto a destra. Selezionare Configurazione e quindi il tab Opzioni Avanzate. Abilitare infine l’opzione Attiva il debug per le API SCORM nella sezione SCORM. Premere Salva per terminare.

Effettuare il Debug di un Pacchetto SCORM in Piattaforma

Per utilizzare questa funzionalità, aprire l’Inspector Tool del browser, quindi accedere al tab Console (come raggiungere il tab e il nome del tab variano in base al browser che si utilizza). Aprire il pacchetto SCORM in piattaforma, in qualità di studente.

In base alla configurazione del pacchetto SCORM, saranno visualizzate diverse chiamate API nella console. Fare riferimento a questa pagina per la lista completa delle firme API  e dei Data Model.

Attenzione: i nomi dei metodi indicati dipendono dall’edizione SCORM (Ex. 2004, 1.2, …) ma sono tendenzialmente simili.

Seguono alcuni metodi consigliati per controllare i log di contenuti SCORM 2004 e 1.2.

Breve Glossario – Contenuti SCORM 2004 e SCORM 1.2

Initialize/LMSInitialize ( ). Avvia la comunicazione con l’LMS. Solo i pacchetti SCORM possono avviare la comunicazione con l’LMS.

SetValue/LMSSetValue ( ). Modifica il valore nell’LMS. Il valore LMSSetValue si combina con gli elementi del data model, come cmi.suspend_data (i.e. LMSSetValue, è lo stesso per entrambe le edizioni SCORM)Questo è il bookmark della sessione (es. se si visualizza il materiale didattico fino a dopo la terza slide, all’accesso successivo si inizierà dalla terza slide e non dalla prima). In alcuni pacchetti SCORM questo elemento sarà visualizzato su basi regolari (es. ogni minuto) mentre in altri potrebbe essere visibile solo a seguito di un evento specifico (es. cliccando sul pulsante Slide Successiva).

cmi.completion_status & cmi.success_status/cmi.core.lesson_status. LMSSetValue (cmi.core.lesson_status, passato). Indica lo stato di completamento del pacchetto SCORM (passato, completato, non riuscito, incompleto, ricercato, non iniziato). Lo stato visualizzato dipende da come è stato sviluppato il pacchetto SCORM.

Informazioni Aggiuntive per l’Esecuzione del Debug in un Pacchetto SCORM

Se lo SCORM non ha il bookmark, controllare:

– Se questo elemento e questo metodo funzionano correttamente nel pacchetto SCORM;

– Se esiste un limite di caratteri. Generalmente, SCORM 1.2 può gestire un massimo di 4.096 caratteri in suspend_data, mentre SCORM 2004 gestisce fino a 64,000 caratteri.

Se il materiale didattico SCORM è stato completato ms non mostra lo stato Completato in piattaforma:

– Controllare che il pacchetto SCORM sia stato sviluppato correttamente (esiste un evento che scatena lo stato Completato?);

– Se succede saltuariamente, controllare la stabilità della connessione Internet;

– Attenzione alla chiusura degli oggetti SCORM in piattaforma. Non chiudere le finestre pop up degli SCORM con il pulsante X, ma utilizzare i pulsanti Chiudi Invia (queste opzioni potrebbero non essere sempre disponibili, ma utilizzarle nel caso in cui lo fossero);

– Assicurarsi di aver fatto tutto il necessario per completare il materiale didattico (visualizzare tutto il contenuto, passare un test, ecc.)

Dopo il caricamento di uno SCORM, la piattaforma visualizza il seguente messaggio:

“Il file imsmanifest.xml non è stato trovato e non è nella radice del file .zip. Esempio: Corretto: [/imsmanifest.xml], Non corretto [scormfolder/imsmanifest.xml]. Controlla il formato del tuo pacchetto SCORM. Se il problema persiste, riportare il messaggio di errore al team di helpdesk”

Quando questo errore è visualizzato, controllare che il pacchetto SCORM contenga il file imsmanifest.xml  e che il file si trovi al primo livello (root) del file .zip. Questo file non può essere in una cartella o essere compresso.

Il pacchetto SCORM parte, ma non ci sono file, e ricevo un messaggio di errore 404.

Controllare che i file elencati nel file imsmanifest.xml siano nel pacchetto SCORM, e assicurarsi che siano nelle cartella corretta. 

Il tracciamento è cancellato dopo il caricamento del pacchetto SCORM.

Prima di aggiornare il materiale didattico con un pacchetto SCORM aggiornato, la piattaforma chiederà se si desidera sovrascrivere la versione corrente o creare la versione 2. Sovrascrivere la struttura di uno SCORM con cambi significativi nel manifesto potrebbe causare la perdita di alcuni dati.

In questo caso, controllare imsmanifest.xml per assicurarsi che il pacchetto SCORM abbia un item identifier diverso. In caso positivo, la piattaforma riconoscerà il pacchetto come nuovo e cancellerà i tracciamenti precedenti dell’utente. In questo caso, contattare Docebo attraverso l’Help Desk dal Centro Comunicazioni della piattaforma.