Docebo

Generazione Z: Come e perché progettare una formazione mobile-first

I Millennials sono ormai storia “vecchia”. La Generazione Z farà presto ingresso nel mondo del lavoro, rivoluzionando non solo strategie e processi organizzativi, ma anche il modo in cui le persone apprendono e si sviluppano professionalmente.

Scarica il nuovo report di Docebo e scopri come progettare una formazione “mobile-first” (che parta da un’ottica mobile e non più desktop), per soddisfare i bisogni formativi della prima generazione 100% digitale.

Scarica il Report:

Nome è un campo obbligatorio
Email non è in formato valido. Devi usare un indirizzo email aziendale.
Azienda o Ente è un campo obbligatorio
Settore è un campo obbligatorio
Telefono è un campo obbligatorio
Stato è un campo obbligatorio
Per favore, indica se sei interessato a una piattaforma eLearning.

Le tue informazioni saranno trattate secondo la nostra Privacy Policy. Cliccando sopra, accetti di essere contattato da Docebo per comunicazioni di marketing.

I campi indicati con * sono obbligatori

La prima generazione 100% digitale…

A differenza dei Millennials, la Generazione Z non sa cosa significhi vivere senza internet o l'accesso ai social media attraverso dispositivi mobile. Sfrutta le loro competenze tecnologiche per ottimizzare la tua strategia di formazione aziendale.

Come coinvolgere con efficacia i “Gen Z”

Per connettersi con la Generazione è essenziale comprenderne mentalità, esigenze e valori. Sfrutta persone e contesti con cui i Gen Z possano identificarsi, supportando l’interazione tra colleghi di generazioni differenti, per creare un solido rapporto tra mentor e utenti.

Cambiamento e adattabilità per una formazione mobile di successo

La Generazione Z sposterà il focus sia sulle finalità del training aziendale che sulle tecnologie utilizzate per accedervi e fruirne. Per questo, è fondamentale riconoscere l’unicità di ciò che i Gen Z apportano alla tua forza lavoro.