IA e Formazione: la carta vincente è la collaborazione Uomo-Macchina

• 3 min read
L’Intelligenza Artificiale supporta un miglioramento continuo

Scopri come l’IA può rivoluzionare la formazione aziendale, rendendola ancora più personale e adattiva

Immagina di voler tracciare ogni singola attività degli utenti all’interno della tua piattaforma eLearning, quindi di analizzare questi dati per ottenere insight preziosi, collegando la formazione alle performance lavorative.

Il numero di dati e di analisi potenzialmente coinvolte sarebbe assolutamente insormontabile! Tuttavia,l’Intelligenza Artificiale (IA) può essere utilizzata per analizzare e interpretare enormi quantità di dati, nonché per apprendere costantemente dalle informazioni acquisite.

Tutto questo, senza alcun pericolo che l’IA si sostituisca alla componente umana. Infatti, anche se l’IA è uno strumento particolarmente efficace nel supportare i nostri processi decisionali, non esiste un modello statistico o un algoritmo che possa rimpiazzare le intuizioni di un essere umano.

L’Intelligenza Artificiale supporta un miglioramento continuo

La visione e gli obiettivi di un’azienda devono essere correttamente allineati alle attività di Formazione e Sviluppo. Questa connessione è fondamentale per “chiudere il ciclo formativo“, collegando i risultati della formazione agli obiettivi di business.

L’IA analizza in background tutti i potenziali percorsi formativi che un utente può scegliere, individuando la via ottimale dal punto A al punto B e suggerendo la soluzione più efficiente per massimizzare i risultati formativi.

È proprio qui che l’Intelligenza Artificiale interagisce con l’intuizione umana. Se un amministratore ritiene che un determinato suggerimento della piattaforma non sia corretto, può rifiutare la soluzione proposta. L’algoritmo dell’IA riconosce questo feedback e apprende che il suggerimento non è corretto. Ciò innesca una nuova risposta che fornisce un nuovo suggerimento, perfezionato dal feedback precedente e migliorato costantemente attraverso l’interazione con utenti e amministratori.

Moltiplicando questo comportamento per migliaia di istanze di feedback – sia da parte degli utenti che degli amministratori – i suggerimenti della piattaforma inizieranno a riflettere gli obiettivi organizzativi, riducendo così i tempi di formazione per massimizzare il ritorno sull’investimento.

Analisi della formazione: non solo numeri…

Nel corso di un webinar con eLearning Guild, abbiamo chiesto: Come raccogliete i dati relativi alle attività formative della vostra organizzazione? Ecco le risposte:

70% – Numero di utenti che hanno completato un corso

20% – Ore di formazione dei dipendenti per ogni corso/piano completato

8% – Feedback degli utenti sulla rilevanza del corso

2% – Performance dei ricavi di vendita dei dipendenti o dei team prima e dopo la formazione

Il numero di utenti che hanno completato un corso è un dato particolarmente importante. Tuttavia, se considerato esclusivamente come una metrica, questo dato non restituisce un quadro completo della situazione. Infatti, potrebbero esserci alcuni utenti che hanno dovuto interrompere il corso a metà per poi riprenderlo in seguito, o magari utenti che hanno impiegato più tempo di altri per completarlo.

L’Intelligenza Artificiale è in grado di comprendere non solo quando un corso viene completato, ma anche ogni singola interazione di un utente mentre completa il corso all’interno della piattaforma eLearning. Ad esempio, l’utente sta ponendo una domanda o sta valutando il corso? Come lo sta valutando? Ha interrotto il corso e poi ha ripreso a seguirlo?

Tutte queste azioni sono tracciate e diventano un database di modelli di machine learning che consentono di analizzare le complesse correlazioni tra corsi e utenti. Questi dati offrono una migliore comprensione del comportamento degli utenti.

Ad esempio, se un utente pone una domanda e un altro utente risponde, si crea una connessione dati che l’IA sfrutta per individuare gli utenti più attivi e gli esperti su argomenti specifici.

Comprendendo il comportamento degli utenti in base ai loro livelli di coinvolgimento, è possibile prendere decisioni informate sull’efficacia di una determinata tipologia di corso, con specifiche caratteristiche. Ad esempio, un video sarà più adatto ad un utente, mentre una presentazione con slide potrebbe essere più efficace per un altro.

Anche se il numero dei corsi completati è importante, è essenziale prendere in considerazione altri fattori, come ad esempio il comportamento nella piattaforma, che offre una visione a 360 gradi dei progressi degli utenti e dell’efficacia dei programmi di formazione. Sfruttando queste conoscenze, è possibile progettare corsi più efficaci e ottenere migliori risultati formativi, legati al successo aziendale.

Vuoi saperne di più? Scarica il nuovo ebook, pubblicato in collaborazione con Brandon Hall Group, per comprendere la connessione tra IA e capacità umane nella formazione aziendale.